GRUPPO AccA – Albisola

Per la ceramica nell'Arte Contemporanea

Libera Repubblica delle Arti – Progetto Nazionale di Promozione dell’Artigianato

Libera Repubblica delle Arti
Libera Repubblica delle Arti (LiRA) è un’iniziativa composta da tre progetti in sinergia fra loro che prevedono la collaborazione fra Enti Pubblici ed Aziende Artigiane nella realizzazione di un attività di promozione internazionale. L’iniziativa mette a frutto le potenzialità italiane facendole divenire un prodotto d’intrattenimento in grado di accrescere l’immagine, il potenziale di mercato e l’appeal turistico del territorio nel suo complesso, proponendone sia l’aspetto culturale che commerciale.
LRA è l’abbinamento fra le attività di Residenza per giovani Artisti/Designer, un contest creativo su progetti rivolti al Re-Design degli stili tradizionali ed un prodotto di intrattenimento televisivo destinato al mercato estero. Essendo contemporaneamente veicolo di approfondimento didattico/ culturale, d’innovazione della produzione artigianale, di formazione dei creativi coinvolti e di promozione commerciale attraverso la piattaforma di e-commerce della produzione artigiana nazionale, il progetto crea vantaggio per tutti i soggetti coinvolti.
Chi scrive è un albisolese “ritrovato” che in seguito a numerose esperienze all’estero, sintetizza nel nome che diede Marinetti ad Albisola, “Libera Repubblica delle Arti”, il progetto di rinascita dell’artigianato nazionale. Utile alla promozione di più ambiti delle Arti Applicate, si rivolge inizialmente al settore della ceramica, partendo dalla Liguria ed aprendosi alle altre 32 città di antica tradizione ceramica che con Albissola compongono la vera Italia del “fare”.
Gianluca Anselmo – Gruppo A.c.c.A. Albisola

I tre progetti
LIBERA REPUBBLICA DELLE ARTI – AAA ARTISTI & DESIGNER CERCASI
Progetto di Residenza creativa con funzione di Re-Design della ceramica artistica italiana da parte di Artisti e Designer. I partecipanti saranno selezionati con bandi di concorso che, partendo dalla liguria, coinvolgeranno progressivamente le città italiane di antica tradizione ceramica. La permanenza sul territorio, lo studio degli stili tradizionali, la visita dei contenitori culturali e l’esperienza nelle botteghe artigiane saranno la base della narrazione televisiva.
LIBERA REPUBBLICA DELLE ARTI – GIVE OUT YOUR BEST! – IN CERAMIC
Progetto televisivo che abbina la narrazione documentaristica alle caratteristiche dei talent show e dei reality, con un piattaforma web di approfondimento.
La trasmissione televisiva a puntate, doppiata in lingua inglese, è destinata alla distribuzione sui canali televisivi esteri. Il portale web amplia i contenuti della versione televisiva dando al pubblico gli approfondimenti necessari a ottimizzare il risultato di immagine, la diffusione dei contenuti culturali e della proposta commerciale connessa.
LIBERA REPUBBLICA DELLE ARTI – THE ITALIAN CERAMIC NETWORK
Una rete di imprese che riunisce le migliori botteghe nazionali, diviene cardine e catalizzatore economico attorno al quale ruotano i progetti, rappresentando il comparto nazionale della ceramica d’arte. La rete è infatti prima destinataria della promozione effettuata dal programma televisivo, i cui prodotti e servizi verranno inseriti in una piattaforma di e-commerce avanzato di oggetti d’arredo e da collezione, service per creativi e pacchetti turistici legati ai corsi di ceramica e ai percorsi culturali, destinati sia a privati che a scuole ed Istituti d’arte .
Approfondimenti
LE RESIDENZE
La Residenza è la struttura portante dei tre progetti. Artisti e Designer, selezionati con bando Nazionale per giovani, diffuso tramite la rete nazionale del Circuito Giovani Artisti Italiani, già partner del progetto di Residenza del Festival Internazionale della Maiolica. Il festival riunisce in una proficua collaborazione Albisola Superiore, Albissola Marina, Savona e Genova e dall’esperienza maturata durante le sue otto edizioni, nascono i tre progetti. I programmi di Artisti in Residenza forniscono un momento ispirativo lontano dall’ambiente abituale, un momento di riflessione, di ricerca,
ideale per il creativo ospite per svolgere un attività di individuazione e di realizzazione di prototipi destinati a divenire nuovi prodotti per il mercato. Il giovane creativo, immergendosi in altri ambienti culturali, riceve e dà stimoli alle realtà con cui viene in contatto, apportando innovazione nei sistemi produttivi delle nostre botteghe e contribuendo alla rivitalizzazione e riposizionamento della produzione artigianale della ceramica.
Attraverso bandi specifici per ogni località aderente al progetto verranno selezionate delle squadre di creativi che sotto la guida di tutor culturali (architetti, designer e studiosi di livello internazionale) lavoreranno nelle botteghe, al fianco degli abili maestri artigiani, unendo tradizione ed innovazione.
DESIGNER & ARTISTI
Il progetto AAA Artisti & Designer Cercasi prevede l’abbinamento sistematico di tipologie di creativi diverse in ogni sede di svolgimento, che vivranno in uno stesso appartamento condividendo il percorso formativo esplorativo.
Artisti e designer si confronteranno su progetti che di volta in volta esalteranno le attitudini degli uni o degli altri favorendo in loro una crescita professionale in diversi ambiti sia individualmente che in squadra.
PROGETTO DI RE-DESIGN E RIVALUTAZIONE DELLO STILE TRADIZIONALE
Soggetto principale del contest: il patrimonio italiano degli stili tradizionali sul cui Re-Design e il Ri-Uso si persegua la creazione del “nuovo” ma che ne l contempo ne conservi ed enfatizzi i punti di forza esaltandone il valore. Obbiettivo finale: la realizzazione di linee di oggetti studiate per essere integrate alla produzione di aziende italiane leader del mercato internazionale del mobile d’arredo di interni ed esterni.
Una serie di prodotti storici “top di gamma” le cui repliche fedeli e numerate diverranno prodotto per i numerosi collezionisti, che non potendo avere l’originale esposto in un museo, avranno possibilità di acquistarne una versione realizzata dai migliori decoratori e tornianti contemporanei nelle botteghe italiane delle Arti Applicate che li ospiteranno.
PRODOTTO TELEVISIVO: DOCU/TALENT
Un prodotto televisivo con caratteristiche del documentario, del reality e del talent show, collegato a schede ed approfondimenti sul web in grado di portare gli spettatori al centro dei “fatti”, dei “Personaggi “e della proposta commerciale dei luoghi culturali italiani del circuito di residenza aderente al progetto.
La narrazione degli eventi durante le Residenze creative verranno intercalate schede e riprese in studio, audizioni dei partecipanti e lezioni di design, confezionati in serie di almeno una decina di episodi ognuna.
FASI DELLA NARRAZIONE:
• L’indagine sul territorio degli stili tradizionali, delle loro forme e decori, della loro origine storica e dei loro creatori ieri come oggi.
• Le botteghe degli artigiani, i musei, gli atelier degli artisti ma anche i ristoranti e la loro cucina tipica, la natura, le persone, i modi di vivere divengono elementi fondamentali del prodotto.
• Lo studio e le fasi di progettazione del prodotto da parte dei creativi, fase affascinante per il pubblico abituato ad avere prodotti di cui non conosce la storia e che qui la può “vedere”.
• La realizzazione da parte degli artigiani dei prototipi, le loro mani e i loro strumenti da cui l’idea diviene realtà. 
Queste immagini si intervalleranno con le fasi di valutazione e presentazione dei progetti che avverrà in studio.
PROMOZIONE TERRITORIALE, TURISTICA E COMMERCIALE IN UN UNICO FLUSSO SINERGICO
La diffusione di questo prodotto darà una preziosa opportunità di promozione in tre ambiti:
valorizzazione del valore culturale & storico, promozione dell’artigianato della ceramica e non ultimo il settore turistico di cui colpisce una nicchia importante costituita dal turismo culturale.
Le Terre Artigiane della Ceramica godranno di un opportunità unica di visibilità da parte del pubblico.
UN PRODOTTO INTERNAZIONALMENTE MOLTO APPETIBILE PER IL MERCATO DEL BROADCASTING
Un buon modo per cercare di entrare sul mercato televisivo internazionale è assecondare le sue necessità:
• basso costo: la distribuzione televisiva inizialmente sarà a costi contenuti per per i canali televisivi.
• argomento interessante: il nostro prodotto al suo interno contiene tanti punti di appetibilità avendo il patrimonio culturale e il know how italiano a disposizione. 
Le Film Commission hanno accesso e contatti che le rendono un partner ideale alla diffusione mondiale. Gli obbiettivi sono principalmente i mercati esteri per cui il prodotto verrà doppiato in inglese e sottotitolato.
DOCU/DOC & WEB MARKETING & SOCIAL NETWORK
Il Sito del progetto ospiterà tutta la documentazione sia video che scritta sugli studi ed approfondimenti fatti dal team di Creativi nelle loro ricerche e visite sul territorio e nel loro rapporto con i molti tutor che capitanati dell’ Arch. Giovanni De Lucchi li aiuteranno a raffinare il loro lavoro.
Il sito diviene un contatto diretto con il territorio e i suoi personaggi culturali ed è di fatto l’anello di connessione con la rete di imprese ed il suo portale di web marketing e la sua piattaforma di vendita internazionale dell’eccellenza della “Ceramica d’Arte Italiana” e di pacchetti turistici mirati.
Conclusioni
I tempi sono difficili, le economie languono, bisogna scegliere di
puntare su progetti di maggiore impatto, che diano il maggior risultato di immagine del proprio territorio. Sfruttare le valenze presenti e valorizzarle in maniera intelligente. Il segreto a mio giudizio della fattibilità del progetto Libera Repubblica delle Arti è la sinergia fra le sue varie parti che combinate restituiscono un ottimo valore aggiunto.
I progetti sono già perfettamente finanziabili ed abitualmente finanziati da investimenti pubblici in tempi recenti e possono sfruttare fondi europei sia destinati ad attività culturali che turistiche. Le Botteghe d’Arti Applicate dei territori di antica tradizione ceramica unite tra loro possono ambire a risultati importanti e riconquistare la potenzialità di imporsi creando un proprio mercato.
Possono ambire persino a stimolare l’entusiasmo di un giovane nell’intraprendere, con la possibilità di un risultato economico, l’attività di ceramista.
Parlando dell’ entusiasmo cito un caso reale, la storia di un signore che quest’anno ha ricevuto il riconoscimento alla Carriera del Festival della Maiolica Bruno Viglietti. A 25 anni, Bruno, era un abile tornitore meccanico che si trovò a scegliere uno stipendio migliore a Savona rispetto a quello percepito a Millesimo di cui era cittadino dalla nascita. A Savona però, dopo appena il tempo di sistemarsi con la sua famiglia, il lavoro improvvisamente svanì…La sorte gli fece conoscere un cerco Costantino Barile di Albisola un signore elegante e cultore della ceramica che lo introdusse come tuttofare intelligente a casa sua.
Ad Albisola conobbe Gin Ferrando grazie al quale scoprì la passione per l’argilla e al quale dichiarò il suo intento ad apprenderne l’arte. Il vecchio Gin da buon ligure lo scoraggiò subito dicendogli : “non ce la potresti mai fare, sei troppo vecchio, dovevi iniziare da ragazzo, noi qui lavoriamo la terra da una vita…ti darei le mie mani se potessi io oramai ho più di ottant’anni….”. Le parole di Gin Ferrando furono il detonatore dell’”orgoglio italiano” che lo spinse ad utilizzare i pezzi della sua lavatrice e di una moto abbandonata per costruirsi un tornio che, unito ad alcuni pani di argilla e molta pratica, dopo un mese gli consentirono di presentarsi dal Gin Ferrando con un portaombrelli di maestose dimensioni sotto braccio con lo stupore di Gin e di molti altri. Oggi la sua bottega ha visto molti dei volti della storia dell’arte contemporanea ed ora tocca a noi semplicemente fare, insieme, il Rinascimento Italiano della Ceramica.
Gianluca Anselmo – Gruppo A.c.c.A. Albisola

Albisola Superiore, Albissola Marina, Ariano Irpino, Ascoli Piceno, Assemini, Bassano del Grappa, Burgio,
 Caltagirone, Castellamonte, Castelli, Cava dei Tirreni, Cerreto, Sannita Civita Castellana, Deruta,
 Este,
 Faenza, Grottaglie, Gualdo Tadino, Gubbio, Impruneta, Laterza, Lodi
, Mondovì
, Montelupo Fiorentino, Nove
, Oristano, 
Orvieto,
 San Lorenzello, 
Santo Stefano di Camastra, Sciacca, Sesto Fiorentino, Squillace, Urbania,
 Vietri sul Mare:
Le città italiane della Ceramica:
1.730.000 ITALIANI RISIEDONO IN QUESTE CITTÀ
………..DI LORO SEMPRE MENO SONO CERAMISTI
IL LORO SAPERE E’ PATRIMONIO NAZIONALE
LA LORO ESTINZIONE ? – QUESTIONE DI TEMPO
EVITARLA ? : UNA QUESTIONE DI “STILE “!
Il progetto è stato ideato per rientrare negli scopi istituzionali di molti soggetti pubblici e privati su tutto il territorio nazionale:
MINISTERI REGIONI ED ENTI TERRITORIALI LOCALI CAMERE DI COMMERCIO
ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA
FILM COMMISSION REGIONALI E NAZIONALE
ISTITUTI UNIVERSITARI DESIGNER & ARTISTI FONDAZIONI

e le migliori botteghe italiane.

Una squadra motivata che si supporta ed unisce gli sforzi può farcela ! Questa proposta nasce ad Albisola la “LIBERA REPPUBBLICA DELLE ARTI” ! Ma può funzionare solo se tutti insieme la REALIZZIAMO.
http://www.gruppoacca.ithttp://www.gruppoacca.wordpress.com
Gianluca Anselmo +39 340 0783099 gruppoacca@yahoo.it

LRA Intro

gruppoacca@yahoo.it
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: